Traduttore traditore

Traduzione generale

Prima d’iniziare i miei studi di traduzione non davo il giusto peso al lavoro del traduttore. Ogni volta che compravo un libro lo sceglievo in base alla trama, all’autore (italiano o straniero), addirittura alla copertina; è risaputo che i colori dei prodotti da comprare, insieme all’imballaggio, sono fondamentali nel convincere il cliente ad acquistare l’oggetto. L’imballaggio. Qualcosa da cui siamo fortemente attratti, che prendiamo in mano, rigiriamo tra le dita, osserviamo e alla fine magari compriamo. L’imballaggio a volte ha più importanza del piccolissimo nome scritto nel frontespizio di un libro; quello del traduttore o della traduttrice. Anni e anni di lavoro per essere considerati meno della plastica e del cartone di un prodotto da comprare.

E’ per questo che ho scelto di dedicare un blog intero al grandioso lavoro del traduttore, ma non solo.

La traduzione non è semplicemente «saper parlare una lingua straniera». E’ pura arte e allo stesso tempo scienza, come sostiene Barnstone, è una miscela strana di discipline estremamente diverse da loro, talvolta discordanti ma che formano un amalgama impressionante. E’ letteratura con scienza, architettura, medicina, fisica, chimica, geografia, storia, arte contemporanea.

Difatti questo blog non tratterà solo i temi estremamente inerenti alla traduzione, ma qualsiasi elemento culturale rilevante ed utile per questo tipo di lavoro e per l’arricchimento personale.

Quante cose deve sapere un traduttore? Tante. Ma quanti anni ci vogliono per diventare un traduttore eccelso? Una vita intera.

Ciononostante vale la pena provarci, non vi pare?

Annunci