Il traduttore non esiste

Traduzione generale

Inizierò questo articolo con la citazione presente in un interessantissimo post che ho letto in questi giorni, Literary Translators: The hidden architects of the foreign language novel (http://uponmyword.com/literary-translators-the-hidden-architects-of-the-foreign-language-novel/trackback), nel quale si descrive la sottostimata condizione del traduttore, che rimane umilmente nascosto dietro la struttura architettonica di qualsiasi tipo di testo. In poche parole, si legge nell’articolo, il traduttore non esiste, o non deve esistere in determinate situazioni, affinché i meriti (e talvolta i demeriti) siano attribuiti unicamente all’autore del testo originale.Anche noi usiamo il microscopio!

In questo post in concreto, viene trattato principalmente il lavoro dei traduttori di romanzi, mansione difficilissima e assolutamente sottovalutata, nella quale raramente il lettore del testo meta è interessato a chi si è preso la briga di ricreare nella lingua target le centinaia di pagine scritte in inglese, francese, spagnolo o chissà quale altra lingua esotica. Tuttavia il lavoro di trascrivere un determinato tipo di testo e di affascinare il pubblico della lingua di arrivo con parole sublimi ed espressioni convenienti appartiene proprio ai traduttori, ed è evidente quando un buon professionista si cela dietro alle righe di un testo ben scritto.

Possiamo tranquillamente ampliare il ventaglio a qualsiasi tipo di testo e non solamente ai romanzi. I traduttori si nascondono dietro ai manuali di istruzioni di elettrodomestici, dietro le confezioni di shampoo che ogni giorno utilizziamo sotto la doccia, dietro a opuscoli pubblicitari, dietro al sito internet internazionale delle nostre scarpe preferite.

Oltre alle sopracitate categorie in cui un traduttore può trovarsi coinvolto, vorrei soffermarmi a descrivere brevemente le particolari difficoltà che si celano dietro a un testo di marketing.

Durante la traduzione di un interessantissimo documento commerciale, mi ritrovai di fronte a questa frase, che, nonostante la sua brevità, risultò essere un vero e proprio rompicapo, la cui soluzione si presentò solamente dopo qualche ora di riflessioni e di modifiche delle varie possibilità che mi ero annotata accanto al testo originale:

“You have bought a new XXX. How about it”

Stop. Punto. Assolutamente nessuna informazione addizionale che mi facesse capire come tradurre quell’espressione un po’ slang dell’inglese americano.

Avrei potuto scegliere di fare una traduzione del tipo:

“Hai comprato un nuovo XXX. Come ti sembra”

ma non mi sembrava che suonasse molto bene in un opuscolo illustrativo del prodotto. In queste particolari situazioni entra in gioco il vero lavoro del traduttore. Una frase che può sembrare estremamente semplice e assolutamente comprensibile nella lingua originale, se posta in un determinato tipo di testo e in una determinata posizione del paragrafo che dobbiamo tradurre può divenire un vero e proprio tormento per il traduttore.

Il yraduttore architettoLe prime domande che sorgono nella mente del professionista sono: come tradurre questa frase? È meglio rimanere letterale o cambiarla completamente e inventarne una nuova, cercando di rimanere il più vicino possibile alla semantica e alla pragmatica dell’espressione? E se al cliente non piace? Conseguentemente dobbiamo prendere una decisione, rileggerla più volte ovviamente, cambiare qualche virgola, dividerla in un paio di clausole magari, per dare più forza alla parte finale della frase a effetto. L’importante è azzeccare la versione che piacerà al cliente finale, l’acquirente vero e proprio del prodotto, affinché lo scopo del testo originale sia presente anche nel testo meta nella lingua straniera.

Per queste tre misere parole, il traduttore può impiegare molto del suo preziosissimo tempo, senza ricevere nessun elogio al rispetto. In fin dei conti l’idea non è sua, lui è solo la macchina, la parte tecnica, l’esperto delle parole che trascrive un testo inventato da qualcun altro nella sua lingua madre, non il genio delle frasi a effetto.

Ed è proprio qui che giace l’ERRORE di molti. Il traduttore che ricrea l’idea dell’autore originale in una seconda lingua è complice di un testo ben scritto, di una pubblicità grandiosa o di una frase che colpisce il pubblico della lingua meta.

Un traduttore può peggiorare, migliorare o lasciare invariato un determinato testo. A lui la scelta. O la capacità, ovvio.

È molto importante che ci sia anche il suo nome sul pezzo di carta o sul foglio digitale accanto a quello del creatore del testo, che sia un romanzo letterario di scala mondiale, un foglietto illustrativo di un prodotto comprato al mercato o di una brochure di carattere generale. Il suo nome non può essere abbandonato nell’oblio, non è giusto.

È tempo di riconoscere il lavoro di questa meravigliosa categoria professionale, attribuendo i giusti meriti e demeriti ai trascrittori che si nascondono dietro un determinato tipo di testo, e di avvalersi della loro esperienza e delle loro conoscenze, per toccare con mano la reale grandezza di un prodotto creato da un buon professionista dotato di anni di esperienza nel mondo della traduzione.

Annunci

Un pensiero su “Il traduttore non esiste

I commenti sono chiusi.